Related topics
List of countries letting in vaccinated travellers

List of countries letting in vaccinated travellers

The UAE’s robust response to the global health crisis allowed the country to be ahead of the curve in welcoming international travellers back to its sunny shores. And as the rest of the world plays catch up, an increasing number of nations around the globe are easing...

Made in Italy: Finaest porta botteghe storiche negli Emirati

<a href="https://marcopoloexperience.com/author/redazione" target="_self">Press Release</a>

Press Release

Author

cappelli-Panizza-marcopolonewsContinua con successo la galoppata internazionale delle botteghe storiche del lusso Made in Italy grazie alla start up Finaest, che ora sbarca negli Emirati, uno dei mercati più vivaci e promettenti nel mondo. Chissà se Francesco Maglia, l’apprendista bresciano che nel 1876 si trasferì a Milano per fondare la sua storica bottega, avrebbe mai immaginato che i suoi elegantissimi ombrelli, dopo cinque generazioni, potessero diventare un must negli Emirati Arabi. E non ci crederebbero neanche Valentino Mazzoleni, mastro artigiano del guanto, oppure Giovanni Panizza, che con i suoi cappelli è passato attraverso due guerre mondiali. Eppure sta succedendo grazie alla start up Finaest, fondata due anni fa, che ha puntato proprio sui prodotti storici del lusso Made in Italy per raggiungere i mercati extraeuropei.

Il suo ideatore è Luca Gianmaria Catalano, 32 anni, torinese. La sua creatura, valutata a oggi poco più di un milione di euro, è un sito di e-ommerce, al pari del noto “Yoox-Net-a-Porter” se non fosse per l’idea molto originale di mescolare brand di boutique del passato che hanno resistito alla globalizzazione a marchi di designer emergenti. Il loro requisito fondamentale è l’italianità: tutti i prodotti della sua bottega 2.0 devono essere rigorosamente Made in Italy.

“Il mio esempio”, ha raccontato all’Adnkronos l’ingegnoso fondatore, “è stato Oscar Farinetti, piemontese come me. Mi sono detto: se lui ci è riuscito con la gastronomia italiana perché non si può fare anche con le eccellenze artigiane?”. Da questo ‘potenziale non valorizzato’ nel maggio 2013 è nata la piattaforma online Finaest.com che, partita con il marketing ‘del passaparola’ e arrivata a un giro d’affari di 150 mila euro nel 2014, è ora pronta a giocare una nuova sfida anche ‘off line’, con la prima boutique entro fine anno a Sharjah, uno degli Emirati Arabi. “Ci consideriamo ancora una start up”, ha spiegato il giovane imprenditore, “ma l’ingresso a inizio del 2015 del Club degli investitori di Torino ci ha permesso di avere più liquidità per fare nuovi investimenti ed espandere il business”.

Partito con gli accessori, Finaest inserirà presto nella sua gamma “super-selezionata” di marchi anche abiti e maglieria. Nel suo ristretto catalogo ci sono, ad esempio, Cedes Milano, che produce accessori da viaggio, da fumo e per la cura del corpo; i citati ombrelli di Francesco Maglia; i guanti Mazzoleni; i cappelli Panizza, ma anche i mocassini del calzaturificio Miserocchi; gli occhialiguanti-Mazzoleni-marcopolonews di Oliviero Toscani e Lgr; le camicie di Santillo; l’intimo della torinese Oscalito; le cinture di Adriano Meneghetti; le borse di Grignola e gli accessori di due dei più antichi barbieri d’Italia: l’Antica Barbieria Colla di Milano, fondata nel 1904, e la Boellis di Napoli, sorta nel 1924.

“Quello che vogliamo fare è trovare un punto di riferimento per ogni categoria merceologica e arrivare, al massimo, a un centinaio di brand che rappresentino l’eccellenza in quel determinato prodotto”, ha sottolineato Catalano. Il mercato di riferimento della sua start up finora sono stati gli Stati Uniti, che rappresentano il 25% del fatturato. Ma Finaest vende tanto anche nel Regno Unito, in Francia, in Germania e in Australia, mentre l’Italia vale per circa il 18% delle vendite.

Uno dei prossimi obiettivi è quello di superare i 200 mila euro di ricavi nel 2015, mentre gli utili, secondo Catalano, “arriveranno dal prossimo esercizio: ora abbiamo fatto tanti investimenti, ma il mercato dei Paesi del Medio Oriente promette bene”. Affascinato dal mondo della finanza, il giovane fondatore di Finaest ha cominciato lavorando a fianco del padre, in un’azienda del settore dell’automotive, per poi passare ad altre società private, come consulente, ma ha capito abbastanza presto che quel lavoro non faceva per lui.

“Avevo un’attitudine imprenditoriale”, ha ammesso, “e ho cercato di seguirla”. Ai ragazzi più giovani, in cerca della loro strada, Catalano ha consigliato: “Cominciate a capire le vostre inclinazioni, miglioratevi e siate determinati anche in un mercato come quello di oggi, pieno di competizione”.

di Patrizia Marin

8 Novembre 2015

Share This