Related topics

Italia ospite d’onore a ‘Bienal del fin del mundo’ in Argentina

<a href="https://marcopoloexperience.com/author/redazione" target="_self">Press Release</a>

Press Release

Author

bienal-de-la-fin-mundo-marcopolonewsL’Italia e’ il paese ospite d’onore della IV edizione della “Bienal del fin del mundo“, la manifestazione culturale e artistica inaugurata nei giorni scorsi a Mar de la Plata, in Argentina, che si terra’ fino al 22 febbraio.

La “Bienal del Fin del Mundo” è uno degli eventi artistici, culturali e sociali a livello internazionale più interessanti del Sud America. Nata nel 2007, senza limiti di frontiere, dalla alleanza con la Fondazione Memorial del Parlamento Latino-Americano a San Paolo (Brasile), nelle successive edizioni del 2009 e del 2011 ha continuato ad approfondire con l’obiettivo di generare nuovi e interdisciplinari spazi di riflessione sulle problematiche della contemporaneità nell’ambito della cultura e della educazione, in speciale modo quella ecologica.

Il motto della Bienal del Fin del Mundo è :”pensar en el fin del mundo, qué otro mundo es posible”.

Il tema di quest’anno e’ “Contrasti e utopie” e i 150 artisti presenti, sotto la direzione artistica dell’italiano Massimo Scaringella, esploreranno temi culturali e ambientali al fine di “creare spazi interdisciplinari per la riflessione e la ricerca sui problemi contemporanei” e proporranno contributi sui vari argomenti. La IV edizione della Bienal del Fin del Mundo si svolgera’ prevalentemente in Argentina – nelle citta’ di Ushuaia in Terra del Fuoco, Mar del Plata (Provincia di Buenos Aires) – ma avra’ un’estensione anche in Cile, a Valparaiso (Parque Cultural) e Punta Arenas, nella Penisola di Brunswick.

La manifestazione Bienal del fin del mundo e’ stata organizzata in collaborazione, fra gli altri, con il ministero degli Esteri italiano, l’Istituto Nazionale della Musica (Italia), l’Istituto italiano di cultura di Buenos Aires, le ambasciate italiane in Argentina e Cile, il Consolato a Mar del Plata e l’Accademia di Belle Arti di Roma.

Redazione

31 dicembre 2014

Share This