Related topics
Celebrate the International Coffee Day

Celebrate the International Coffee Day

Celebrate coffee on International Coffee Day. International Coffee Day is a celebration of the coffee sector’s diversity, quality and passion. It is an opportunity for coffee lovers to share their love of the beverage and support the millions of farmers whose...

Il potere delle donne emiratine

Le donne emiratine ambiscono a contare sempre di più a tutti i livelli e a competere con i colleghi maschi nell’esercizio della leadership.

Facendo seguito al decreto emanato dal presidente, Sua Altezza lo sceicco Khalifa bin Zayed Al Nahyan, nel dicembre 2018, dal 2019 le donne hanno raggiunto il 50 per cento dei seggi nel Consiglio federale nazionale, ossia 20 su 40. Dopo l’ingresso nell’esecutivo di due nuove giovani ministre, con deleghe alla Gioventù e alla Felicità, si concretizza così il raggiungimento dell’obiettivo della parità di genere nell’istituzione che guida i sette Emirati. Una misura non solo formale ma sostanziale. Secondo la presidente dell’Unione Generale delle Donne, Fatima bint Mubarak, le quote sono l’unica strategia valida per accelerare questi processi.

In una società globalmente interconnessa, ruoli, attitudini e stili di vita si stanno rapidamente evolvendo. I leader degli Emirati Arabi Uniti hanno cambiato la tradizionale visione  del ruolo delle donne in questo paese, creando un ambiente inclusivo, che stimola positività e innovazione. Non a caso le donne sono state tra coloro che hanno preso decisioni importanti in uffici governativi, con alcuni ministeri e dipartimenti pubblici.

Le donne che compongono il Consiglio Nazionale Federale (FNC) hanno espresso il proprio orgoglio per il posizionamento degli Emirati Arabi Uniti come il primo Paese al mondo per quanto riguarda la rappresentanza femminile in Parlamento

Il 50% dell’ FNC, su un totale di 40 membri sono infatti donne. Sara Mohammad Amin Falaknaz, membro dell’ FNC di Dubai, ha dichiarato che è stata un’altra pietra miliare che gli Emirati Arabi Uniti hanno attraversato grazie alla sua leadership e alla sua gente.
“Noi, come figlie degli Emirati Arabi Uniti, siamo immensamente orgogliose della nostra nazione e degli enormi sforzi di Fatima bint Mubarak e Sheikha Manal bint Mohammed bin Rashid Al Maktoum nel difendere le donne e dare loro il potere di raggiungere i gradi più alti nei vari settori”, lei disse.
“Siamo orgogliosi dell’impatto ottenuto dalla pari rappresentanza delle donne nel Consiglio federale, contribuendo a rafforzare la posizione degli Emirati Arabi Uniti in numerosi indici globali”.

Sottolineando le conquiste globali degli Emirati Arabi Uniti, Maryam Majid Bin Theneya, membro dell’ FNC, ha dichiarato che tale obiettivo è il risultato di una “potente visione a lungo termine” per rendere il Paese un leader mondiale sotto tutti gli aspetti della vita.

“Quando guardiamo all’empowerment delle donne negli Emirati Arabi Uniti, notiamo che tutto è partito dalla leadership, che ha creduto nelle loro capacità di far parte dello sviluppo di questo Paese”.

La legislatrice ha affermato che il padre fondatore degli Emirati Arabi Uniti, il defunto sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan, aveva sempre creduto che le donne fossero sullo stesso piano degli uomini in questo paese.

“Non si riferisce solo alle donne che fanno parte della forza lavoro, ma include anche le casalinghe, i cui contributi sono riconosciuti”, ha detto Bin Theneya.

«Si assiste ad uno sviluppo costante del lavoro femminile e pertanto anche alla crescita di un nuovo bacino di utenti con un potere d’acquisto promettente», racconta Patrick Chalhoub, ceo del Gruppo Chalhoub, leader nel settore del lusso, impegnato a diventare un modello a supporto dell’empowerment femminile nella regione. 

Le emiratine al lavoro oggi sono circa 140mila contro il migliaio del 1975, ma la maggior parte continua a operare soltanto nel settore pubblico.

Alessandra Quarta Conte

Share This