Related topics
Ramadan Guidelines for 2022 in UAE

Ramadan Guidelines for 2022 in UAE

Muslims all over the world celebrated Ramadan this weekend, with the holy month beginning on Saturday, April 2nd in the United Arab Emirates. In the Islamic calendar, Ramadan is the most important month, it occurs when Muslims observe a 30-day fast from dawn to dusk....

TIDAL is now available in the UAE

TIDAL is now available in the UAE

Global music and entertainment streaming service, TIDAL, is available for music fans and artists in the UAE. Launched in 2015, this is the first time the global platform will be available in the region. Music fans never have to miss a beat by listening to their...

I consigli di Fuoriporta tra Civita Castellana, Leonessa, Palagonia e Portico

<a href="https://marcopoloexperience.com/author/redazione" target="_self">Press Release</a>

Press Release

Author

frittellone-marcopolonewsDagli antipasti fino ai dolci, più di 40 sagre provenienti da ogni angolo dello Stivale pronte a deliziare i visitatori con le loro portate, tutte realizzate rigorosamente a mano secondo antiche ricette dei luoghi di provenienza. E’ un grande tour enogastronomico che va dal Lazio alla Puglia, dalla Campania all’Umbria, quello che attende i visitatori dal 7 al 9 ottobre a Civita Castellana, splendido centro della Tuscia viterbese che organizza la 6° edizione della “Fiera Nazionale delle Sagre e dell’Agricoltura” e la “2° Degustazione della Pasta Italiana”. Gli stand gastronomici saranno aperti ogni giorno dalle 10 alle 21.30 per sfornare vere e proprie delizie come i “frittelloni” locali, il formaggio di pecora di Narni e il latte di asina in crema di Rignano Flaminio; saranno presenti anche Ariccia con la sua eccezionale porchetta, la Sardegna con il torrone, Marta e la Tenuta Ronci con il vino, Santa Susanna con le lumache, Nepi con il famosissimo pecorino romano e Selci in Sabina con il pane casereccio: spazio anche alla solidarietà con “un’amatriciana per Amatrice”.

Sarà invece un ruggito forte e inconfondibile, almeno quanto il gusto delle ricette proposte, a richiamare anche quest’anno migliaia di fedeli seguaci a Leonessa: “Fritta, lessa, rescallata. Un piatto co’ li fiocchi: lu tartufu co’ li gnocchi”, è il motto con cui la cittadina in provincia di Rieti aprirà le sue porte per la Sagra della Patata. L’appuntamento – giunto alla 27esima edizione – è fissato per l’8 e il 9 ottobre nel borgo montano dove a fare gli onori di casa sarà uno dei prodotti di punta dell’economia agricola della piana: quella patata che, tanto nella varietà a pasta gialla quanto in quella a pasta rossa, è considerata tra le qualità più pregiate di tutto lo Stivale. Ad attendere i visitatori sarà un gustoso menù nel quale spiccano gli gnocchi al sugo o conditi con il tartufo, le salsicce alla brace, le patate fritte e la vera specialità della sagra, la “rescallata”: un’antica ricetta semplice e saporita a base di patate lesse saltate in padella con cipolla e pancetta.

E anche a Palagonia, la capitale dell’arancia a polpa rossa in provincia di Catania, fervono i preparativi per la “Fiera di Belverde” o “Fiera di ottobre”, un’antica tradizione che si rinnoverà anche quest’anno dal 7 al 9 ottobre. Per un intero fine settimana la cittadina diventerà una grande vetrina a cielo aperto delle eccellenze siciliane, con centinaia di stand nei quali produttori e artigiani provenienti da ogni parte dell’isola presenteranno prodotti patate-marcopolonewsagroalimentari e manufatti artistici, proponendo anche imperdibili percorsi degustativi alla scoperta delle produzioni locali, apprezzate ad ogni latitudine per la loro originalità ed eccellenza. E così tra appuntamenti con l’arte, la cultura e l’enogastronomia, i visitatori potranno anche andare alla scoperta di una cittadina ricca di storia dal passato leggendario: il suo nome deriverebbe dal greco “Palicanea”, ossia “nuova Palica”, e farebbe riferimento al nuovo insediamento che sostituì l’antica Palica, fondata secondo la tradizione nel V secolo a.C. da Ducezio.

Far conoscere ai visitatori le bellezze e le bontà di stagione del territorio Romagnolo ai confini con la Toscana è infine l’obiettivo della “Sagra dei frutti del sottobosco e dell’artigianato artistico” in programma il 9 ottobre a Portico di Romagna: nel paese a due passi da Forlì grande spazio sarà dato ai prodotti tipici dell’autunno come i funghi, il tartufo, i marroni, le giuggiole, le noci e le mele. In un contesto davvero unico, il borgo medievale di Portico con tutte le sue suggestioni di storia e di contatto con la natura, le vie principali ospiteranno anche artigiani e produttori locali, mentre la gastronomia sarà assicurata dalla Pro Loco, che allestirà un grande spazio coperto nell’area delle feste per la degustazione di prelibati piatti della tradizione tosco-romagnola.Artigianato artistico, mostre di pittura, scultura, grafica e fotografia completeranno il ricco programma di festa.

www.fuoriporta.org

Redazione

07  Ottobre 2016

Share This