Related topics
Ramadan Guidelines for 2022 in UAE

Ramadan Guidelines for 2022 in UAE

Muslims all over the world celebrated Ramadan this weekend, with the holy month beginning on Saturday, April 2nd in the United Arab Emirates. In the Islamic calendar, Ramadan is the most important month, it occurs when Muslims observe a 30-day fast from dawn to dusk....

TIDAL is now available in the UAE

TIDAL is now available in the UAE

Global music and entertainment streaming service, TIDAL, is available for music fans and artists in the UAE. Launched in 2015, this is the first time the global platform will be available in the region. Music fans never have to miss a beat by listening to their...

Guida Lonely Planet: mistero e fascino Friuli-Venezia Giulia

<a href="https://marcopoloexperience.com/author/redazione" target="_self">Press Release</a>

Press Release

Author

villa-manin-marcopolonewsLe suggestioni di una regione che risente ancora della miscela di culture e tradizioni tipiche di un’area di confine, dove si respira ancora l’aria della Mitteleuropa. Se Ippolito Nievo definì il suo Friuli Venezia Giulia “un piccolo compendio dell’Universo”, un motivo c’è: da queste parti troverai tutto quello che cerchi, dalle spiagge alle piste da sci, dalle rovine e i castelli ai borghi e alle città d’arte. Ma se c’è qualcosa del Friuli Venezia Giulia che stregherà, come ha stregato l’autore della nuova guida della “Lonely Planet”, sono i luoghi d’acqua.

“Il Friuli Venezia Giulia è una delle regioni più misteriose d’Italia ed è una terra tutta da riscoprire. A cento chilometri oltre la Serenissima comincia un mondo intero, da esplorare in prima persona”. Così Luigi Ferrauto inizia a raccontare il Friuli Venezia Giulia nella prima guida “Lonely Planet” dedicata a questa regione di frontiera.

“In vendita in 1500 librerie in tutta Italia e dal 15 dicembre sarà disponibile anche nei diversi formati e-book”, ha precisato Angelo Pittro, direttore commerciale e marketing di “Lonely Planet Italia” durante la presentazione ufficiale della nuova guida a Trieste. E ha aggiunto: “Il Friuli Venezia Giulia è una regione piena di bellezza, che per originalità delle proposte non è seconda a nessuna in Italia, e può scrivere una pagina diversa per il turismo del nostro Paese, alternativo a quello che passa per Roma, Firenze, Venezia. Ha servizi di qualità, luoghi quanto più possibili intatti e persone vere: quello che cercano i viaggiatori consapevoli”.

La guida presenta le bellezze della regione in circa 320 pagine: dalle spiagge alle piste da sci, dalle città d’arte ai borghi, passando per esperienze enogastronomiche, sportive e culturali. L’autore, classe 1981, ha girato in lungo e in largo il Friuli Venezia Giulia in cerca di storie da raccontare, e in poco tempo se n’è innamorato.

“È una regione piccina, ma dalle potenzialità eccezionali. Dopo un mese mi pareva di aver già fatto il giro del mondo e non conosco nessuno che non sia rimasto stupefatto dall’aver visitato il Friuli Venezia Giulia“.

Tanto che scrive nella guida: “stenterete a credere che il Friuli Venezia Giulia, terra di gente creativa e introversa che ha saputo evolversi mantenendo vive le tradizioni, sia restato così incastello-miramare-marcopolonews disparte, negli anni”. Ferrauto raccomanda una visita, in qualsiasi stagione dell’anno, ai quattro capoluoghi di provincia. Trieste è “la città più periferica, ma allo stesso tempo la più europea d’ Italia. Udine è elegante, giovane, sofisticata. Gorizia è città di frontiera dai tratti asburgici e la multiculturalità particolarmente viva e forte. E Pordenone, con gli anni si è guadagnata un’ottima fama grazie all’offerta culturale”.

E nella sua Top 20 dei luoghi da non perdere la Guida segnala anche le Dolomiti friulane e le Alpi Carniche e Giulie, i vigneti del Collio, la natura indisturbata del Carso, la steppa desertica dei Magredi e la Laguna di Grado e Marano. E, oltre Muggia, Aquileia, Cividale e San Daniele del Friuli, consiglia di visitare Pesariis, il paese degli orologi: un borgo di montagna dove si fabbricano orologi da almeno quattro secoli. In qualche modo simbolo della capacità della regione di preservare nel tempo le proprie tradizioni.

Nella guida non mancano i suggerimenti da parte degli abitanti della regione, tra i quali anche quelli di Bruno Pizzul che elenca tre buoni motivi per visitare il Collio: la dolcezza del panorama, la qualità dei vini e l’ospitalità della gente.

11 dicembre 2014

di Dario de Marchi

Share This