Related topics
Ramadan Guidelines for 2022 in UAE

Ramadan Guidelines for 2022 in UAE

Muslims all over the world celebrated Ramadan this weekend, with the holy month beginning on Saturday, April 2nd in the United Arab Emirates. In the Islamic calendar, Ramadan is the most important month, it occurs when Muslims observe a 30-day fast from dawn to dusk....

TIDAL is now available in the UAE

TIDAL is now available in the UAE

Global music and entertainment streaming service, TIDAL, is available for music fans and artists in the UAE. Launched in 2015, this is the first time the global platform will be available in the region. Music fans never have to miss a beat by listening to their...

Fuoriporta consiglia “vertuti” di Paganico Sabino e asparagi di Canino

<a href="https://marcopoloexperience.com/author/redazione" target="_self">Press Release</a>

Press Release

Author

Il primo maggio a Paganico Sabino è tutto all’insegna di un rito antico. Il ritorno alla vita dopo il rigido inverno, un momento di festa tipico della tradizione contadina, rappresenta l’allegoria del “Calendimaggio”, o meglio del “Kalènnemàju”, come si pronuncia nel dialetto del borgo in provincia di Rieti.

L’appuntamento torna puntuale lunedì 1 maggio nel paese a pochi passi dal Lago del Turano: alle 11.30, rigorosamente digiuni, gli abitanti del posto immergeranno tre ghiere di noci in un bicchiere colmo di vino pronunciando “San Félìppu e Jàku, faccio a Kalènnemàju, se mòro affonno, se nò ritorno”; se le noci resteranno a galla, quella in arrivo sarà un’ottima stagione per il raccolto!

La festa si sposterà poi a tavola con la 27esima edizione della “Sagra dei Vertuti”, una zuppa di legumi e cereali (fagioli, ceci, fave, grano, granturco) aromatizzata con foglioline di timo selvatico e condita con l’olio d’oliva della Sabina, da gustare insieme a maccheroni al pomodoro, salsicce, bruschette e a un buon bicchiere di vino nel centro diurno con posti coperti da capienti tensostrutture. Tra una portata e l’altra, sarà possibile ammirare la mostra “Sulla via della canapa”, visitare le esposizioni permanenti “Attrezzi della civiltà contadina” e “Arredi sacri”, assistere agli spettacoli musicali dal vivo e curiosare fra gli stand dei prodotti tipici che riempiranno il centro storico.

Ma il lungo fine settimana di feste prenderà il via già il 27 aprile con la “Sagra dell’asparago verde” di Canino, grazioso paese in provincia di Viterbo che fino al 30 aprirà le sue porte per celebrare un prodotto tipico della tradizione contadina non facile da trovare – perché predilige i pendii scoscesi e ama nascondersi fra le erbacce – che in questo tratto dell’Alto Lazio è noto come il “mangiatutto”: nessuna delle sue parti viene infatti scartata e ognuna, sapientemente abbinata, può regalare ai piatti un sapore unico e particolare.

Nella Tuscia Viterbese, d’altronde, “l’ortaggio del Re” matura già nel mese di gennaio, in grande quantità e di ottima qualità. Per quattro giorni, dal primo al dolce, l’asparago sarà davvero dappertutto, sempre in compagnia dell’olio extravergine d’oliva che ha reso noto Canino in tutta Italia; non sarà facile resistere al richiamo delle lasagne con asparagi e salsiccia, del rollè farcito e degli asparagi al forno, oppure del particolare semifreddo all’asparago che sarà proposto in degustazione il 27 aprile, e ancora della frittata più grande del mondo, che il 30 aprile sarà preparata in piazza con 1.500 uova e oltre un quintale di asparagi. Intorno al Re della primavera prenderanno vita quattro giorni di festa caratterizzati da un ricco programma che prevede, oltre ai momenti gastronomici, anche spettacoli, mostre, competizioni e intrattenimenti per i più piccoli.

a cura di www.fuoriporta.org

Redazione

28 Aprile 2017

 

 

Share This