Related topics
Celebrate the International Coffee Day

Celebrate the International Coffee Day

Celebrate coffee on International Coffee Day. International Coffee Day is a celebration of the coffee sector’s diversity, quality and passion. It is an opportunity for coffee lovers to share their love of the beverage and support the millions of farmers whose...

Auguri a Marco Columbro

Marco Columbro compie 70 anni. Uno dei volti più popolari della tv degli anni Ottanta e Novanta. Arrivato a Mediaset, allora Fininvest, è stato un pioniere della tv commerciale.

Tra i suoi primi programmi di successo, c’era “Tra moglie e marito”, un primo esperimento di quanto oggi è consolidato come realtà: l’intrattenimento dell’access prime time. È andato in onda dal 1987 al 29 giugno 1991, scontrandosi contro l’edizione serale dei telegiornali Rai, quando Mediaset non ne aveva uno suo. Columbro, con il suo stile scanzonato ma serio, conduttore in giacca e papillon, attore estroso dotato di una cinica ironia, si è imposto fin da subito come un o è riuscito presto a imporsi come uno dei pilastri delle reti private che stavano scalzando il monopolio della Rai.

Amatissimo dal pubblico, Columbro ha vinto nella sua carriera ben tredici Telegatti

Gli anni Novanta sono quelli del consolidamento di un successo sempre più importante. Il sodalizio con Lorella Cuccarini, insieme hanno condotto decine di programmi e appuntamenti delle reti. Tra tutti “Buona Domenica”, “Paperissima” e quattro edizioni di “Trenta ore per la vita”.

Nel 2001 un aneurisma cerebrale lo ha costretto ad un mese di coma, da cui si è ripreso, tornando sul piccolo schermo, sempre con la Cuccarini, nella conduzione del programma “Scommettiamo che…?”. Ma i risultati non furono incoraggianti, tanto che Columbro da allora si è dedicato principalmente al teatro.

Nel 2006 ha portato in scena “Tootsie, il gioco dell’ambiguità” con Chiara Noschese, girando l’Italia in tournèe fino a maggio 2007. Poi è stata la volta di “Romantic Comedy” (2008/2009) con Mariangela D’Abbraccio e la regia di Alessandro Benvenuti, e “Daddy Blues” (2011) con Paola Quattrini e la regia di Vincenzo Salemme.

Marco intanto ha acquistato una proprietà in Toscana e ha costruito la Locanda Vesuna, un albergo a tre stelle nei paraggi di Siena in una zona bucolica e immersa nel verde, creando una linea di prodotti alimentari bio che porta il suo nome. Una vita condivisa accanto alla compagna Marzia Risaliti, con cui gestisce l’attività.

Alla Locanda Venusa regna uno stile di vita all’insegna della spiritualità e della sintonia con la natura al punto che Marco ha fatto costruire per il suo albergo una schermatura dall’inquinamento elettromagnetico e una piscina senza cloro purificata dall’ossigeno. Un posto dove viene sollecitata la meditazione e la ricerca spirituale. Durante un viaggio in Tibet e India Columbro ha conosciuto il XIV Dalai Lama.

Patrizia Marin

Share This