Related topics
Forum italiano export a Dubai

Forum italiano export a Dubai

Si terrà, lunedì 21 marzo 2022, nell’ambito di Expo Dubai 2020, l’evento organizzato - dal Forum Italiano dell’Export (Presieduto da Lorenzo Zurino) e da Lawrence Partners, con il patrocinio della Regione Campania, il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale della Regione...

Vino: scoperto antico vitigno laziale di epoca romana

<a href="https://marcopoloexperience.com/author/redazione" target="_self">Press Release</a>

Press Release

Author

Bellone1Casale del Giglio, l’azienda vinicola laziale che ha nel suo sito importanti reperti archeologici romani, come “Mater Matuta”, sorprende ancora. È infatti stato riscoperto dall’azienda un antico vitigno laziale, già in epoca romana e citato da Plinio come “uva pantastica” e oggi conosciuto come Bellone. Il Bellone è presente nell’area che va dai Castelli Romani, ai Monti Lepini sino alle propaggini verso il mare. Qui, alle spalle di Anzio, ha trovato, sui terreni sciolti, sabbiosi e caldi, un microclima molto favorevole, caratterizzato dalla persistente brezza marina.

L’azienda di Antonio Santarelli lo produce con il nome di “Antium-Bellone di Anzio 2014″. Già nel Bollettino Ampelografico del 1881 era descritto come vitigno con grappoli dalle proporzioni maggiori, ma dai caratteri analoghi ai Belli, gruppo di vitigni diffusi intorno a Roma.

Osservazioni confermate anche da Mangarino nel 1888 e Mancini nel 1893. Conosciuto anche come “uva pane” per la sua buccia spessa e consistente, il Bellone si presenta di colore giallo intenso con riflessi dorati. Vino solare con sentori di frutta esotica ben matura, come mango e papaya, contrapposti ad una consistente acidità, lo rendono idoneo a lunghi affinamenti in bottiglia. In bocca risulta molto ampio, ricco e persistente, con leggere sfumature floreali e speziate e con sapidità e mineralità molto pronunciate.

L’abbinamento ideale è con la “Minestra di Sgavajone“: tipica minestra dei pescatori di Anzio con brodo di questa varietà di pesce autoctona che, spesso non commerciabile, veniva consumata in famiglia.

Un risultato, quello del Bellone, che coincide con la ricorrenza dei “30 Anni di Ricerca e Sperimentazione” dell’azienda di Latina. Nel 1985 Dino Santarelli ha avviato un progetto di sperimentazione che, nel tempo, ha determinato la produzione di vini di considerevole qualità, sempre più apprezzati, anche a livello internazionale.

Negli anni Novanta, Antonio Santarelli, seguendo l’intuito paterno, ha portato avanti il lavoro con passione su quasi 60 varietà di vitigni diversi, con la preziosa collaborazione dell’enologo trentino, Paolo Tiefenthaler, che dal 1988 è il loro direttore tecnico. La sperimentazione vinicola si è concentrata, dapprima, internamente in azienda, con l’introduzione sul territorio dell’Agro Pontino di vigneti provenienti da Bordeaux.

di Patrizia Tonin

29 Maggio 2015

Share This