Related topics
Forum italiano export a Dubai

Forum italiano export a Dubai

Si terrà, lunedì 21 marzo 2022, nell’ambito di Expo Dubai 2020, l’evento organizzato - dal Forum Italiano dell’Export (Presieduto da Lorenzo Zurino) e da Lawrence Partners, con il patrocinio della Regione Campania, il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale della Regione...

Misticanza, Local Fresh Happy

<a href="https://marcopoloexperience.com/author/redazione" target="_self">Press Release</a>

Press Release

Author

misticanza-chiara-giulia-marcopolonewsSono due sorelle, Chiara e Giulia Settimi, con lo zio Alessandro, le patron del Bar Ristorante Misticanza, in via Sicilia a Roma, nei pressi della famosa Via Veneto, nota per la Dolce Vita felliniana. E’ “una ventata di colore, aria fresca e novità” quella che Chiara e Giulia hanno intenzione di portarvi. Due sorelle, due percorsi, due bagagli di esperienze, una passione in comune: “Il mangiar bene”. Palestra e banco di prova è stata per due anni e mezzo il ristorante (piccolo ma estremamente curato) Enosteria Capo le Case, a pochi passi da Piazza di Spagna, dove le imprenditrici hanno cominciano a interfacciarsi con la realtà della ristorazione romana, puntando sulla qualità di materie prime e prodotti di eccellenza, sulla semplicità della tradizione ravvivata (e mai offesa) da tocchi innovativi. Nell’estate 2014 arriva la svolta: un locale di proprietà dove mettere finalmente radici e dar vita ad un progetto di più ampio respiro, 250 mq, quattro grandi vetrine. “Abbiamo subito capito che era il locale giusto” dicono Chiara e Giulia.

“Per quanto un albero possa diventare alto, le sue foglie, cadendo, ritorneranno alle radici” recita un antico proverbio. Misticanza riporta al suo interno un albero, l’albero della vita: l’obiettivo è quello di riportare alle origini le persone e la cucina. Ed è proprio attingendo alle loro radici che Chiara, Giulia e lo zio Alessandro, hanno deciso di realizzare un progetto innovativo, frutto della mescolanza (da qui deriva il nome del locale, dal latino mesticare ovvero mescolare) delle loro esperienze, passioni, valori e scoperte. Misticanza affonda le sue “radici” nella tradizione e volge la sua “chioma” verso i nuovi orizzonti. Superando il concetto di ristorante si propone come locale poliedrico, spazio di nutrimento che s’ispiri al concetto di Farm, accogliendo i suoi ospiti dalla prima colazione, al pranzo, alla cena con un’offerta gastronomica differenziata e con un comune denominatore: il messaggio che la bontà va a braccetto con la genuinità.

“YOU CAN’T BUY HAPPINESS, BUT YOU CAN BUY LOCAL AND THAT’S KIND OF THE SAME THING”

MISTICANZA è:

LOCAL – I prodotti utilizzati derivano da un’accurata scelta, per la maggior parte tra aziende agricole Lazio che utilizzino modelli di agricoltura e allevamento sostenibili, i cui prodotti abbiano una reale tracciabilità: dai formaggi e salumi, all’olio biologico della Tuscia, fino all’orto “di famiglia”, del casale di proprietà “Il casale delle Stelle” in Sabina (da dove proviene una parte di verdure ed ortaggi freschi). Ampio spazio, inoltre, viene dedicato alle eccellenze territoriali italiane provenienti dalle zone ove la loro tipicità è garantita.

FRESH – Chi consuma prodotti  locali mangia in modo più genuino, poiché le distanze brevi permettono di consumare prodotti appena raccolti. “Tale freschezza mantiene una maggiore energia ed un reale e benefico apporto nutritivo” sostiene Giulia, che ha iniziato ad interessarsi alle energie dei cibi. Particolare attenzione e sensibilità, quindi, all’uso di prodotti non trattati come farine e zuccheri integrali non raffinati per la maggior parte della produzione di panificazione e pasticceria.

HAPPY – Genuinità, Rispetto, per l’ambiente e per se stessi, buone energie, accoglienza! Da Misticanza si lavora per passione, si lavora con il sorriso. Fine ultimo quello di nutrire il palato insieme anche a tutti gli altri sensi e, soprattutto allo spirito, in un ambiente piacevole, gioioso e colorato.

AMBIENTE – Misticanza è una mescolanza di materiali, stili, forme e colori che prende vita grazie alla ricerca dei materiali che Chiara e Giulia hanno condotto nell’arco di oltre un anno, con misticanza-sala-marcopolonewsl’intento di creare un’accogliente casa di campagna dal sapore antico ma senza tempo, grezzo, con un tocco romantico e chic. Questa ricerca si ritrova e si respira in ogni particolare del locale: dai piatti di porcellana sulla madia antica ai giochi in legno presenti su ogni tavolo, dai bicchieri tutti diversi e artigianali, alle lampade, ai tavoli. L’aspetto giocoso di Misticanza, grazie a loro, echeggia in ogni stanza evocato dalla Campana sul pavimento dell’ingresso, dai caleidoscopi e dalle trottole con cui ingannare l’attesa del cibo.

OFFERTA
Misticanza accoglie i suoi clienti dalle 07.30 del mattino fino a sera inoltrata. Si comincia presto con prodotti di giornata: cornetti, veneziane e danesi insieme torte, crostate ed una selezione di pasticceria monoporzione, anche vegana. Per chi va veloce, si trovano caffè, cornetti, cappuccini, spremute espresse e centrifughe ma per chi ha tempo è possibile anche ordinare una colazione completa di stampo anglosassone, soffermandosi a leggere il giornale al tavolo sociale.
Il pranzo è il momento della RICREAZIONE per tutti i gusti ed esigenze: “Abbiamo costruito una formula “a misura” di chi lavora, rendendo l’offerta, sempre di qualità, accessibile e differenziata”. Questo significa che la nostra proposta per il pranzo è veloce, facile e non impegnativo con proposte di tradizione, di street food, di carne e per vegetariani, con un tavolo dedicato alle ricercatezze vegetali (tutto al giusto prezzo!).

A questo si aggiunge un take away di insalate e panini del giorno.

Al calare del sole, Misticanza muta un poco il suo volto e accoglie i suoi ospiti per assaporare una cena in cui si fondono passione, amore per il prodotto, cura e creatività: tutti questi elementi trovano un più ampio respiro (rispetto al pranzo) in un menu selezionato dallo chef secondo la stagione e la reperibilità dei prodotti.

CHEF
Roberto Fiumi è lo chef di Misticanza e vanta lunghe esperienze con Heinz Beck a La pergola (3* Michelin), Francesco Apreda (1* Michelin) e anni a Londra, da Locatelli, dove ha affinato tecnica e gusto. Prima dell’incontro con Chiara e Giulia è stato Chef de cuisine di Opera Dulcis a Imola. Questa è la sua seconda vita: nella prima era un broker (ma, si sa, i soldi non fanno la felicità!) e nella seconda, da oltre 15 anni, è un uomo che cucina. Come ha scritto lui stesso, descrivendosi, è l’amore per il cibo e la cucina che lo muove, che gli ha fatto cambiare “le carte in tavola”.

Misticanza è aperto dal lunedì al sabato dalle ore 07.30 a mezzanotte (chiusura della cucina alle 23.00). A Roma in Via Sicilia, 47.

Redazione

21 Maggio 2015

Share This