Related topics
Celebrate the International Coffee Day

Celebrate the International Coffee Day

Celebrate coffee on International Coffee Day. International Coffee Day is a celebration of the coffee sector’s diversity, quality and passion. It is an opportunity for coffee lovers to share their love of the beverage and support the millions of farmers whose...

Donazione MID design al CASVA

<a href="https://marcopoloexperience.com/author/redazione" target="_self">Press Release</a>

Press Release

Author

Il nuovo anno si apre per il CASVA – Centro Alti Studi sulle Arti Visive – con l’annuncio di una ulteriore acquisizione: la donazione dell’archivio dello Studio MID design/comunicazioni visive attraverso gli archivi specifici di Alfonso F. Grassi e di Alberto Marangoni.

Questa donazione segna un momento importante per il CASVA poiché rappresenta sia l’occasione per comunicare con decisione la ricchezza dei suoi archivi composti da una varietà di materiali che, orientati comunque al progetto, coprono tutto il ventaglio delle arti – fotografie, modelli, disegni, prototipi, dipinti, opere d’arte create da progettisti, architetti e designer o da loro collezionate – sia per sollecitare altri progettisti a condividere il percorso futuro.

Milano riveste in Italia e nel mondo un ruolo centrale nell’ambito dell’architettura, del design, della grafica e dell’illustrazione; il CASVA concorre anch’esso a questo posizionamento garantendo alla città la conservazione e la costruzione di questa memoria quale base solida per confermare nel futuro questa sua preminenza. È questo un gesto di responsabilità e un impegno che l’Amministrazione si è assunta fondando l’istituto.

L’archivio è anche al servizio degli istituti di ricerca e le università nella promozione della città; i materiali sono primariamente a disposizione degli studiosi che al CASVA si rivolgono per trovare le fonti di nuovi studi e degli studenti che su questi modelli fondano le loro future creazioni.

Grazie alla volontà di Anty Pansera e di Alberto Marangoni oggi l’archivio dello Studio MID design/comunicazioni visive diventa patrimonio dei milanesi e ci dà un ulteriore spaccato di quella che è stata la cultura del progetto italiana tra gli anni ’60 e i primi anni ’90 del secolo scorso.

Fondato da Alfonso F. Grassi (1943-2014), Gianfranco Laminarca (1941-1990) e Alberto Marangoni (1943), tutti diplomati all’Accademia di Belle Arti di Brera, lo Studio MID design/comunicazioni visive affonda le sue radici nel Gruppo MID, attivo dal 1964 nell’ambito dell’arte cinetica e dell’estetica sperimentale.

Il 1966 segna l’anno dell’iscrizione dei tre all’ADI – Associazione per il Disegno Industriale, in cui ricoprirono negli anni a seguire anche ruoli strategici, e la trasformazione del “gruppo” in Studio MID design/comunicazioni visive. Il loro esordio fu subito un successo con la vittoria del Concorso internazionale per il progetto del Padiglione Italia alla XIV Triennale di Milano del 1968. A questo seguì la progettazione di innumerevoli prodotti di comunicazione: nel 1979 la vincita del Compasso d’Oro per l’immagine coordinata e l’allestimento della mostra Tre secoli di calcolo automatico, IBM Italia al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica di Milano e sempre lo stesso anno la segnalazione al Compasso d’Oro per l’immagine grafica del settimanale L’Europeo di Rizzoli.

Nel 1981- 82 curano l’immagine coordinata e il sistema segnaletico della Sea, Società aeroportuale di Linate e Malpensa e delle Ferrovie Nord di Milano e sempre negli anni ’80 Grassi segue il progetto della pedonalizzazione di Corso Vittorio Emanuele a Milano, primo esempio italiano di “isola pedonale”.

Tante le mostre allestite e coordinate, da ricordare Gli Anni Trenta, arte e cultura in Italia (1982), È Design (1983), Come giocavamo (1984), L’Uomo a due ruote (1987), Cento Anni di Industria (1989), Il Cammino del Commercio (1991).

Due i prodotti iconici ideati e progettati da Studio MID design/comunicazioni visive che ancora oggi sono in commercio e in uso: il rasoio Bic Black (1975) e il flacone per il Bialcol (1985).

Nel 1991 termina l’avventura di Studio MID design/comunicazioni visive, ma sia Grassi che Marangoni continuano la loro attività non solo progettuale, ma anche accademica.

“Accolgo con piena soddisfazione l’atto di donazione al CASVA di Milano dell’archivio dello Studio MID design/comunicazioni visive, studio nel quale, ho condiviso con Alfonso Grassi e a Gianfranco Laminarca, anni di intenso impegno professionale e di profondi valori umani.” – afferma Alberto Marangoni. E Anty Pansera continua: “Da storico e critico del design, ed anche da persona che dal 1973 ha seguito ( e in alcuni casi collaborato) con lo studio MID, credo che il CASVA stia ricoprendo e sempre più possa ricoprire, un ruolo centrale nella conservazione, valorizzazione di tutti i materiali della cultura del progetto che Milano in particolare e i suoi progettisti hanno prodotto, archiviandoli e catalogandoli perché tutti gli studiosi abbiano la possibilità di ricostruire decenni fondamentali per il Made in Italy”.

Con l’archivio di Studio MID design/comunicazioni visive, Anty Pansera ha donato anche l’archivio professionale e in parte privato di Alfonso Grassi, nella volontà di documentare e raccontare la sua personalità multiforme, libera, spiritosa oltre che colta. In particolare, la vasta collezione di cappelli di Alfonso Grassi sarà oggetto della mostra Tanto di cappello. La collezione di cappelli di Alfonso Grassi: militaria, della tradizione ed etnici che avrà luogo dal 2 al 28 aprile 2019 a CasaMuseo Boschi Di Stefano a Milano.

Il CASVA è un Istituto del Comune di Milano nato nel 1999 dall’incontro tra Alessandra Mottola Molfino e Zita Mosca Baldessari. Acquisisce tra il 2002 e il 2012 ben nove archivi di architetti e designer – Luciano Baldessari, Francesco Gnecchi Ruscone, Mario Terzaghi e Augusto Magnaghi, Virgilio Vercelloni, Fiorenzo Ramponi, Andrea Disertori, Studio DDL (Jonathan De Pas, Donato D’Urbino e Paolo Lomazzi), Fredi Drugman e Roberto Sambonet.Dal 2012 con la direzione di Maria Fratelli e l’arrivo dell’archivio di Vittorio Gregotti inizia a prendere forma l’idea di trasformare l’archivio in un Istituto dedicato alla cultura del progetto, per cui all’acquisizione, inventariazione e conservazione degli archivi si affianca un’intensa attività di valorizzazione attraverso mostre, eventi dedicati e la pubblicazione di una collana specifica. Negli ultimi anni sono stati acquisiti nuovi archivi – Cecilio Arpesani, Eugenio Soncini, Enrico Freyrie, Giancesare Battaini e recentissimamente Alfonso F. Grassi e Alberto Marangoni. I prossimi progetti sono volti a rafforzare la presenza dell’Istituto nel panorama culturale milanese con l’acquisizione di una sede dedicata attraverso la ristrutturazione dell’ex mercato rionale del QT8 e grazie alla creazione, voluta dall’architetto Zita Mosca Baldessari, di una Fondazione, attualmente di diritto privato, che ne sosterrà e amplierà le attività.

Redazione

17 Gennaio 2019

Share This