Related topics
The Ajman 6th International Environment Conference

The Ajman 6th International Environment Conference

Under the patronage of His Highness Sheikh Humaid bin Rashid Al Nuaimi, Ruler of the Emirate of Ajman and member of the UAE Supreme Council, the Ajman Municipality and Planning Department is organizing the Ajman 6th International Environment Conference.  Scheduled to...

Moda: da Turchia la sfida dell’eco–cashmere a base di soia

<a href="https://marcopoloexperience.com/author/redazione" target="_self">Press Release</a>

Press Release

Author

eco-cashmire_marcopolonews copiaLa grande sfida del “pret-a-porter” internazionale è il ritorno ai tessuti naturali e di qualità, eliminando quelli sintetici e inquinanti come nylon, poliestere e acrilici. La Turchia è in prima fila con l’ eco-cashmere ricavato dalla soia e di alta qualità, al tatto identico ai pregiati filati, ma naturale al 100 per cento. Nel Paese vengono realizzate da diversi anni le collezioni di alcuni tra i più importanti brand internazionali. Ma alla fornitura di manodopera si sta affiancando la produzione di tessuti interamente ‘Made in Turkey’ e stanno nascendo case di moda che hanno l’ ambizione di diventare marchi internazionali.

Per realizzare il ‘cashmere vegetale’ “si utilizza un complesso processo chimico”, ha spiegato Tahir Haytoglu, fondatore e presidente dell’azienda ‘Soya Silk’, che da 12 anni si occupa della produzione di filati dalla soia. “Il tessuto diventa morbido, resistente, traspirante e in grado di bloccare i raggi Uv”, ha raccontato Haytoglu.

La soia è una pianta leguminosa e viene usata principalmente per scopi alimentari (olio, farina, semi). Il processo di filatura prevede diversi procedimenti chimici: dopo averne estratto l’olio e le proteine, vengono formate le fibre di soia attraverso un processo di filatura e bagnaggio in acido.

“La qualità è molto più alta rispetto all’acrilico e sono biodegradabili”, ha spiegato Haytoglu, “c’è un crescente interesse verso questa tecnologia, ho creato la mia collezione ‘Soya Silk’, distribuita in Turchia e in alcuni Paesi europei, e offro inoltre la mia consulenza e il mio supporto ad aziende europee che vogliono produrre le loro collezioni in Turchia con tessuti vegetali”, ha raccontato Haytoglu.

Nei centri commerciali di Istanbul campeggiano i grandi brand della moda, soprattutto italiani e francesi: la Turchia, oltre a esportare abbigliamento per quasi 16 miliardi di dollari l’anno, sta aumentando in modo esponenziale il livello di import nel settore del fashion.

L’aspirazione di chi per tanti anni si è occupato di moda a Istanbul è di ideare e produrre le proprie collezioni. Ed è una sfida che si è posta Yesim Gulsel, managing director della Jasmin Agency Istanbul (JAI), sul mercato da oltre 15 anni, e che si occupa di organizzare la produzione in Turchia di importanti maison italiane e francesi.

“Con i miei collaboratori, stiamo per lanciare Kandy Colors, un brand che si pone l’obiettivo di utilizzare solo tessuti naturali, come seta, tencel, rayon e soia, specialmente quest’ultima per la sua morbidezza, particolarmente adatta a chi ha problemi di pelle sensibile”.

“Stiamo entrando nel mercato turco e americano con le nostre collezioni ispirate alla natura, tra disegni floreali e chiffon di seta e ci auguriamo di poter offrire ai nostri clienti abiti di alta qualità, prodotti con tessuti naturali”, ha spiegato Yesim Gulsel.

 

di Patrizia Tonin

5 Maggio 2015

 

Share This