Related topics
Fintech Week 28 29 Jun 2022 Dubai

Fintech Week 28 29 Jun 2022 Dubai

DIFC FinTech Week is a thought-leadership-driven, business-focused summit that deep dives into the latest challenges and technology trends in the Middle East's financial services sector. Connecting global fintech innovators with enterprises, investors, policy makers...

4th edition Global DEFI Investment Summit

4th edition Global DEFI Investment Summit

Following the success of three editions of Global DeFi Investment Summit, where Blockchain pioneers, Cypto projects, VC's, Business entrepreneurs gathered to discuss DeFi, Metaverse, Gamefi, NFTs, Web 3.0,the hottest topics, within the blockchain ecosystem,...

Nicola Biasi: miglior giovane enologo d’Italia 2020: il premio Vinoway Italia

<a href="https://marcopoloexperience.com/author/redazione" target="_self">Press Release</a>

Press Release

Author

Conferito a Nicola Biasi il riconoscimento di “miglior giovane enologo d’Italia 2020”, arrivato da parte di Vinoway Italia, che lo premierà ufficialmente il 10 ottobre, a Bari, a “Vinoway Wine Selection” 2021.

Nicola è un Wine-maker di talento, con un’esperienza solida e internazionale. Ha iniziato la carriera dopo il diploma di enotecnico, con le cantine Jermann e Zuani della famiglia Felluga.  Successivamente si è trasferito in Australia da VictorianAlps di Gapsted e poi alla sudafricana Bouchard Fialayson, per arrivare infine in Toscana  da Marchesi Mazzei poi da Allegrini,

Da Allegrini è diventato capo enologo di Poggio al Tesoro a Bolgheri ed a San Polo a Montalcino. Biasi ha anche avuto l’opportunità di affiancare i più grandi nomi italiani del panorama enologico internazionale: Donato Lanati, Alberto Antonini, Carlo Ferrini, Hans Terzer e Riccardo Cotarella. Proprio grazie a quest’ultimo, è diventato coordinatore tecnico del Wine Research Team, che raggruppa oltre 35 cantine italiane e straniere sperimentali e innovative nel settore enologico.

Nel 2013 Nicola ha avviato il progetto “Vin de la Neu”, un vino prodotto nella Val di Non, nella vigna di Còredo, a quasi 1.000 metri d’altitudine, sulle Dolomiti, il cui nome deriva dalla abbondante nevicata caduta nella prima vendemmia. Qui Biasi ha deciso di mettere in piedi la propria azienda agricola e impiantare vigneti di Johanniter, una varietà resistente alle malattie fungine della vite, ottenuta dai parentali nobili Riesling e Pinot Grigio.

Le caratteristiche di questa vite, insieme alle condizioni pedoclimatiche del vigneto, hanno permesso di ridurre  quasi a zero i trattamenti anticrittogamici, rendendo ancora più concreta la fattibilità di un progetto sperimentale e la produzione di un vino che si contraddistingue non solo per il varietale e per le caratteristiche organolettiche e qualitative eccellenti, ma anche per la quantità limitatissima, pari a meno di 1.000 bottiglie l’anno.

Questa iniziativa ha consentito a Biasi di ottenere nel 2015 il premio  “Next in Wine” di Simonit & Sirch, gli esperti potatori, in collaborazione con Fondazione Italiana Sommelier (Fis) Bibenda, Si tratta di un riconoscimento dedicato ai talent under 35 del vino italiano.

Press Release

 

Share This